Tante sono le cose che di questo paese mi hanno stancato, così tante che potrei dimenticare come a volte sia un piacere essere italiana. Così tante che alla fine mi sono stufata di tenerle per me, perchè so che c'è tanta altra gente che si è stufata, quindi perchè non parlarne?
Se volete commentate, sappiate che non rispondo a tutti i commenti, che non accetto commenti osceni che verranno cancellati, ma che sono disponibile ad un confronto, se ne ho tempo.
Se siete qui leggete, se non vi piace quello che scrivo andatevene, nessuno vi obbliga a rimanere e fino a che c'è libertà di parola ho intenzione di dire la mia.

giovedì 31 ottobre 2013

IMMIGRAZIONE

questo è veramente il colmo.
ora i migranti, questa nuova specie di vacanzieri dell'altra sponda, intendendo quella africana, oltre che inrompere con la forza nelle nostre terre, oltre che imporci la loro presenza alla ricerca di un eden economico che vorremmo tanto prima noi, accusano anche i nostri ragazzi di averli derubati.
questa cosa mi fa veramente incazzare di brutto.
già mi domando che ci facciano delle rappresntanze della classe medio alta come dicono sul giornale, su un barcone a largo delle coste italiane, che se veramente sono in fuga da qualche minaccia possono chiedere asilo politico alle nostre aboasciate e venire con i loro mezzi senza farsi piangere addosso perchè sono poveri migranti senza un futuro.
accusano i nostri giovani di averli derubati di almeno 3000/5000 dollari a testa, e di tutti i loro gioielli, per un totale di centomila euro.
ma se hanno tanti soldi che cappero ci fanno su un barcone? specie pensando che ne devono aver pagati almeno altrettanti per infilarsi in quello schifo di storia.
se proprio hanno tanti soldi da buttare potevano scegliere vie più dignitose, come arrivare ad un aereo civile corrompendo qualche persona al posto giusto, ed arrivare in Italia in maniera legale, per poi rivolgersi ai nostri carabinieri e chiedere l'asilo politico.
e invece queste persone del ceto sociale medio alto si accalcano con i morti di fame su un barcone che a mala pena tiene il mare, rischiano di affogare per arrivare a largo delle coste di questi poveri imbecilli che si raccattano tutti, si fanno salvare e rifocillare dai  nostri militari,  e una volta giunti a terra li denunciano per furto alla questura.
ed ecco che la nostra nave di pattuglia è indagata, inchiodata a terra con il futuro dei nostri giovani soldati macchiato da questa macchia indellebile.
a questo punto spero propio per loro, che sia tutto vero, che scoprano che veramente c'è un ladro che si è impossessato dei beni che sono stati dati in custodia ai militari, spero che venga individuato e messo alla gogna.
lo spero perchè se si scoprisse che questi benestanti migranti si sono inventati tutto per spillare altri soldi oltre che venire ad ingolfare un paese che si dibatte in una crisi economica che fa scintille, se si scoprisse che sono venuti per rubare un'altro pezzo di pane a chi già ha fame allora sarebbe veramente troppo. già io sono dell'idea che i clandestini DEVONO tornarsene nel loro paese, ci sono mille modi per entrare in Italia, che è una specie di colabrodo aperto ad ogni infiltrazione e protezionista ad oltranza, e molti sono legali, si può anche cercare lavoro in una nazione che di lavoro oramai ne offre poco anche agli autoctoni, ma imporre la propia invasione giocando sul pietismo della morte degli altri nell'attraversamento, pensando a quanto sborsano per venire qui a mettersi per le strade a chiedere l'elemosina, mi fa veramente ucire dai gangheri. potrebbero usare il denaro che danno agli scafisti per andare in qualche paese vicino in maniera legale a trovarsi lavoro, li in africa dove non tutte le nazioni sono in guerra. portebbero rimanere con le loro famiglie.
qui non abbiamo un futuro da offrire a nessuno al momento, non lo abbiamo per i nostri giovani che non trovano lavoro, non lo abbiamo per le generazioni di mezzo che il loro lavoro lo vedono sparire da un giorno all'altro lasciandoli senza prospettive e con famiglie da mantenere, non lo abbiamo per chi oramai ne chiederebbe poco  perchè dopo aver lavorato per una vita vorrebbe almeno una pensione dignitosa ed invece si ritrova a vivere con 480 euro al mese, men che meno a chi prima ci chiede una mano e poi la morde.
i nostri giovani si prodigano ogni giorno nell'operazione Mare Nostrum e sono da encomiare per la loro abnegazione. spero di non dovermi rimangiare questa proferta di fiducia nei loro confronti ma voglio essere assolutamente dalla loro parte.
non mi tirerò indietro se dovrò chiedere scusa.

Nessun commento:

Posta un commento